MALATTIE CRITTOGAMICHE DEL CASTAGNO

NOME DELLA PATOLOGIA ZONA COLPITA AGENTE PATOGENO SINTOMI DELLA MALATTIA SULLA PIANTA LOTTA RICONOSCIMENTO DELLA MALATTIA E DEGLI AGENTI PATOGENI
MAL D’INCHIOSTRO Radici FUNGO
PHYTOPHTORA CAMBIVORA
ingiallimento chioma

microfillia (riduzione dimensioni foglie)

perdita precoce foglie

decorticando alla zona del colletto sono evidenti fiammate nere

ricci immaturi secchi permangono sulla pianta anche in inverno

LOTTA PREVENTIVA/AGRONOMICA:

– drenaggio e canalizzazione delle acque superficiali nei campi, tali da evitare ristagni idrici in loco, e quindi il diffondersi dell’inoculo.

– Pulizia delle scoline laterali delle strade e dei viottoli

LOTTA REPRESSIVA/CHIMICA:

– eliminazione delle piante malate provvedendo all’eradicazione delle ceppaie e il loro successivo abbruciamento.

– distribuire nel terreno circostante dei prodotti chimici a base di fosfsiti di potassio. È consigliabile l ‘uso di tali prodotti anche sulle piante circostanti la zona di infezione tramite per limitarne preventivamente lo sviluppo.

MARCIUME RADICALE Radici FUNGO
MYCROSPHERELLA MACULIFORMIS
clorosi fogliare, appassimenti e disseccamenti

le manifestazioni tipiche della malattia devono essere ricercate

in prossimità del colletto e delle radici in cui si trova il caratteristico feltro miceliare bianco (famigliola)

LOTTA REPRESSIVA

– eliminazione delle piante malate provvedendo all’eradicazione delle ceppaie e il loro successivo abbruciamento.

Column 6 Value 2
CANCRO CORTICALE Tronco FUNGO
CRIPHONECRTRIA PARASITICA

ESITONO DUE FORME :
CANCRO VIRULENTO: LETALE
CANCRO IPOVIRULENTO: NON LETALE

CANCRI VIRULENTI SI MANIFESTANO:
DISSECCAMENTI DEI RAMI E DELL’INTERO TRONCO,SI EVIDENZIANO AREE ROSSASTRE SUL TRONCO CHE TENDONO AD ESPANDERSI

CANCRI IPOVIRULENTI:
SULLE AREE DEL TRONCO COLPITE SI EVIDENZIANO PUSTOLE ARANCIONI
E SPACCATURE DELLA CORTECCIA A LIVELLO DEI RAMI

LOTTA PREVENTIVA /AGRONOMICA

effettura potature fitosanitarie ogni 3 -4 anni nel periodo invernale

disinfettare gli arnesi di potatura ogni volta che si agisce su una pianta diversa

bruciare il materiale di potatura

evitare l’accumulo di ricci sul terreno

Column 6 Value 3
FERSA Foglie FUNGO
MYCROSPHERELLA MACULIFORMIS
Macchie bruno- rosse sulla foglia che tendono ad allargarsi e portare la folgia all’essiccamento

I ricci sono rossastri e cadono anticipatamente

LOTTA PREVENTIVA /AGRONOMICA

rastrellatura e abbruciamento delle foglie

LOTTA REPRESSIVA/CHIMICA

trattamenti a base di rame a fine inverno e con tebuconanzolo(fungicida) quabdo la chioma è ricca di fogliame

Column 6 Value 4
MUFFA NERE DELLE CASTAGNE Frutti Per LA MUFFA NERA:
FUNGO CIBORIA CASTANEAE

Per LA MUMMIFICAZIONE DELLE CASTAGNE :
FUNGO PHOMOPSIS ENDOGENA

MUFFA NERA:
ANNERIMENTO TOTALE DEL FRUTTO e DI CONSISTENZA ELASTICA. LA BUCCIA RESTA INALTERATA

MUMMIFICAZIONE:
IL FRUTTO DIVENTA DI COLORE BIANCASTRO , GESSOSODI CONSISTENZA MOLLE E DAL SAPORE SGRADEVOLE

LOTTA PREVENTIVA /AGRONOMICA

• immediata raccolta dei frutti appena caduti al suolo;

• “curatura” dei frutti in acqua per 5-9 giorni seguita dalla loro asciugatura; alternativamente i frutti possono essere immersi in acqua a 45-50°C per 30-60 minuti e poi rapidamente raffreddati e asciugati;

• conservazione dei frutti a temperature di 0° per periodi non superiori a 5 settimane o a -2. -4°C per periodi più lunghi .

Column 6 Value 5